L’amore di Loredana

Produced by Carlo Traverso, Barbara Magni and the Online
Distributed Proofreading Team at http://www.pgdp.net and
DP-Canada at http://www.pgdpcanada.net (This file was
produced from images generously made available by Biblioteca
Nazionale Braidense – Milano)


DEL MEDESIMO AUTORE:

La Compagnia della Leggera, novelle L. 3 50


l’Amore di Loredana

ROMANZO
DI

Luciano Zùccoli

MILANO
FRATELLI TREVES, EDITORI
1908


PROPRIETÀ LETTERARIA

I diritti di riproduzione e di traduzione sono riservati per tutti i paesi, compresi la Svezia, la Norvegia e l’Olanda.


Milano. — Tip. Treves.


 
 

L’AMORE DI LOREDANA


 
 

PRIMA PARTE.

I.

— Prendi quelle valigie e portale in questo scompartimento. Su, presto, che il treno riparte!

La voce nota diede un sussulto a Loredana, che stava sola, ancora col velo grigio abbassato sugli occhi, come quando era partita da Venezia.

— In questo? — domandò il facchino.

— Ma sì, su questo!…

Filippo salì, sorrise a Loredana, si volse a prender dalle mani del facchino le valigie, le collocò sulla rete, e sedette infine di fronte alla giovane, con un sospiro di sollievo. Poco dopo, lo sportello era chiuso e il treno riprendeva la marcia.

Filippo non aspettò altro, e si chinò a baciar le mani dell’amica, poi il volto e le labbra, senz’attendere ch’ella raccogliesse il velo sulla fronte.

— Hai fatto bene, — egli disse, enunziando mille pensieri in una volta. — Siamo soli. Fra un’ora saremo giunti. Sai chi ho trovato alla stazione di Venezia? Mi hai visto parlare con un signore alto e calvo? È il conte Lombardi: mi ha invitato a pranzo per lunedì, e ho accettato. Dove saremo lunedì?… Ma tu, cara, sei spaventata?… Quanta gratitudine ti debbo, cara!… Vedrai: non aver paura, non accadrà nulla, non ti toccheranno, non ti faranno nulla….

La campagna triste fra Verona e Peschiera era sinistramente illuminata dalla luce sanguigna del tramonto che alcune nuvole grige interrompevano.

Loredana non diceva parola, tenendo le mani tra le mani di Filippo, sempre col viso celato da quel velo bigio, che pareva la togliesse dal mondo, l’allontanasse da tutti, la dovesse nascondere come una delinquente.

— Ascoltami, cara, — seguitò Filippo. — Hai scritto alla mamma?

— Sì….

— Che cosa le hai scritto?

La fanciulla non rispose subito. Le veniva innanzi agli occhi della mente la visione della sua casetta bianca nel campiello solitario; e la mamma che ogni mattina entrava a chiederle che cosa desiderasse per colazione; poi la mamma usciva, andava per la spesa, e, tornata, preparava la colazione per la figliuola, che con una vestaglia bianca e lunga, raccoglieva intanto i capelli intorno alla testa e si guardava nello specchio e si dava un po’ di cipria e si sorrideva. La vestaglia bianca e lunga era stata abbandonata, anche quella, come tutto il resto….

— Le ho scritto, — rispose Loredana scuotendosi. — Le ho scritto che non si dia pensiero; che avrà mie notizie…. Voglio scriverle anche stasera, subito…. Si può?

Filippo scosse la testa.

Pages: First | 1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | ... | Next → | Last | Single Page